Filippo Sisti reinterpreta lo Spritz per il nuovo Clotilde Brera bistrot

Spritz-en-Filippo-Sisti-Yuri-Antonellis-Clotilde-Brera

Un twist on classic del gastro-mixologist di Talea, preparato dall’head bartender di Clotilde Brera, Yuri Antonellis.

Prendete un locale nel cuore di Milano, una terrazza con vista mozzafiato sulla Basilica di San Marco e un grande bancone centrale che domina la sala dal sapore d’antan. Avrete la cornice perfetta per degustare un classico dell’happy hour rivisto in chiave contemporanea da Filippo Sisti, il creativo mixologist autore della cocktail list del nuovissimo bistrot Clotilde Brera.

Perché lo Spritz?

Dal 2011 fa parte della selezione dei sessanta cocktail internazionali IBA, ma si parla di lui fin dall’Unità d’Italia, quando, sotto forma di una miscela di soda e vino bianco, veniva servito come bevanda rinfrescante per i soldati austriaci di stanza in Veneto.

E proprio con una parola austriaca è stato battezzato Spritz (traduzione di “spruzzare” che indica l’aggiunta della componente gasata), evolvendosi negli anni con il prosecco al posto della soda e con l’introduzione dell’Aperol grazie ai fratelli padovani Silvio e Luigi Barbieri.

Lo Spritz-en, il twist on classic di Filippo Sisti

Con un chiaro richiamo alle origini, Sisti torna alle bevande sodate, negli anni progressivamente abbandonate dalla ricetta per la scomparsa dai banconi dei bar delle pistole da selz. Per farlo, il mixologist elimina il prosecco e lo sostituisce con un vino sodato all’arancia che viene sifonato direttamente all’interno del bicchiere. L’head bartender di Clotilde Brera, Yuri Antonellis, lo prepara quotidianamente lasciando bollire dell’arancia fresca nel vino bianco, filtrando e inserendo il tutto all’interno di un sifone.  

L’Aperol rimane protagonista indiscusso del drink con le sue note agrumate rinforzate dall’asprezza di un sorbetto liquido al limone. Come se non bastasse, questo twist on classic è presentato con un tocco estetico raffinato, grazie a una conchiglia di ghiaccio su cui viene adagiata una foglia di amaranto, a donare un piacevole contrasto cromatico con il colore aranciato del drink.

La ricetta

Spritz-twist-Filippo-Sisti-Yuri-Antonellis-Clotilde-Brera
Yuri Antonellis, Head Bartender Clotilde Brera

Ingredienti:
40 ml di Aperol
40 ml di Vino sodato all’arancia
Un bar spoon di sorbetto liquido al limone
Una shell di ghiaccio tritato
Una foglia di magenta

Preparazione:
Per prima cosa preparare il vino sodato lasciando bollire dell’arancia fresca con del vino bianco, filtrando il liquido ottenuto per poi inserirlo all’interno di un classico sifone. In un bicchiere highball versare dell’Aperol e sifonare la bevanda sodata realizzata in precedenza. Aggiungere del ghiaccio in cubetti e mescolare per raffreddare gli ingredienti. A parte realizzare una shell di ghiaccio tritato e adagiarla sul bordo del bicchiere, riempiendola con del sorbetto liquido al limone aromatizzato al timo e allo zenzero che, sciogliendo la conchiglia ghiacciata, infonderà lentamente la nota acida all’interno del cocktail.

Garnish:
Completare con una foglia di magenta