Francesco Galdi, un bartender cittadino del mondo

Francesco-Galdi-miglior-bartender-d-italia-2018

Da Hong Kong a Milano, per tornare a Dubai. Tra grandi passioni e cocktail vincenti alla banana: il Miglior bartender d’Italia 2018

È nato a Torino ma è cittadino del mondo. Francesco Galdi, Miglior Bartender d’Italia alla finale nazionale Diageo Reserve World Class 2018, dietro al bancone non teme rivali e ha un solo mantra: “Sognare con determinazione, gustare la vita fino all’ultimo sorso e sorridere sempre”.

Galdi scava nei ricordi e nei racconti familiari: “La determinazione è forse ciò che mi ha contraddistinto di più nella carriera fin dagli inizi. Ero fermamente deciso a non proseguire l’università che ho interrotto a pochi esami dalla laurea in economia. Il tutto dicendo a mia madre che non avrei fatto questo mestiere tanto per fare, ma diventare il più bravo del mondo”.

Ma che cosa serve per diventare davvero il migliore? “Occorrono passione, indipendentemente dal lavoro svolto, e tanto studio. Personalmente ho una collezione di almeno 600 libri sui cocktail che ho letto e riletto almeno tre volte ciascuno. Per raggiungere alti livelli nel proprio lavoro, l’impegno quotidiano deve essere una costante”, rivela.

Classe 1982, il bartender torinese è sempre stato affascinato dal mondo dei cocktail. Nonostante la sua brillante carriera, non ha mai smesso di interrogarsi su cosa sta “dietro” a un drink.

È come in una relazione: è importante chiedersi il perché e il quando sono nate certe combinazioni. Quale e quanta sia la chimica che lega la storia, sicuri che alla fine il risultato sarà qualcosa di eccezionale. Frutto di tanti sforzi e di gigantesche soddisfazioni”.

Dal Paradice, un bar gelateria torinese aperto quasi h24, passando per i raffinati locali del capoluogo piemontese, come Caffè Madama, Galdi vola a Hong Kong e poi a Dubai. Per tornare in Italia al The Yard e per ripartire ad aprile per gli Emirati quale Worldwide Corporate Beverage Manager del Buddha Bar.

Sicuro di sé, mostra anche grande classe, stile inconfondibile e concretezza estrema. “La gara più importante la vinciamo tutti i giorni con i nostri ospiti. Che siano abituali o meno. Se poi si vincono le competition ancora meglio ma non bisogna montarsi la testa. Chi non mette l’anima in questo lavoro soccombe, o meglio passa inosservato. L’anima è l’ingrediente fondamentale che dovremmo avere tutti giorni nella ricetta delle cose che ci piacciono. Perché anche il gesto più semplice, ma fatto con l’anima, diventa una poesia”.

Questo è Francesco Galdi. Ora non resta che godersi uno dei suoi cocktail.

Nome: Francesco Galdi

Anni: 37

Città d’origine: Torino

Residenza: Il mondo

Segni particolari: Grande vitalità ed energia che passano per osmosi ai suoi drink. Lo stile nell’accoglienza e nella presentazione dei suoi cocktail sono espressi al top.

Scheletri nell’armadio: Poca memoria per le ricette. Tranne una. Scoperta la sua passione per le banane è stato proclamato Miglior bartender d’Italia 2018 grazie al suo Banana Revolution di cui, assicura, ricorda ancora oggi tutti gli ingredienti. Garnish compresa. La guarnizione del drink, infatti, merita una menzione: composta dalla solidificazione di banana e cioccolato sulla parte superiore del bicchiere è da rompere servendosi di uno stick, ovviamente, alla banana.

Reader Rating7 Votes95
95