Carlo-e-Camilla-in-segheria-interni-Coqtail-Milano

Carlo e Camilla in segheria, il buon sapore delle (nuove) opportunità

Una segheria dismessa e rinnovata: la firma dello Chef Carlo Cracco e una drink list all’altezza delle proposte food del ristorante.

Da Carlo e Camilla in segheria comanda il fascino. Soffuso, rigido ma estremamente catartico, la soglia stessa dell’intero progetto è già di per sé un invito a restare. La vecchia fabbrica del 1929 è ricreazione, ormai combinata a estetica, funzionalità e meraviglia.

E ha addirittura un buon sapore: il locale vanta un perfetto incastro tra il famoso chef Carlo Cracco, Nicola Fanti e l’Art Director Tanja Solci –la cui segheria apparteneva ai nonni. La ristorazione e lo sfizio di un drink prima o dopo cena qui sono non soltanto realizzabili ma piuttosto imprescindibili, come un biglietto da dover timbrare per andare oltre.

Il locale rappresenta la bellezza di una Milano cangiante dove non per forza tutto dev’essere estremamente nuovo e moderno. Anzi, il nuovo è proprio il dismesso e poi recuperato. E piace, ripiace fino all’affezione.

Carlo e Camilla in segheria – Il locale

Carlo-e-Camilla-in-segheria-interni-Coqtail-Milano

La sensazione, appena si arriva da Carlo e Camilla in segheria, è quella di restare disarmati davanti alla purezza di uno spazio così ampio e così profondo al punto da risultare inarrivabile. Le pareti restano grezze a contrastare i lampadari di cristallo che scendono dal soffitto e rimangono a mezz’aria, a fare luce sul lungo social table fatto a posta per chi non si conosce.

Tutto resta quindi un po’ all’ombra e l’offerta food & drink sembra un ottimo pretesto per fare luce. Le porcellane bianche sui tavoli assomigliano paradossalmente a una macchia di colore. Il cortile esterno è bello e composto, più simile a un privilegio –soprattutto durante le belle giornate di sole. Ordinato in un giusto numero di sedie e piccoli tavoli, il dehors anticipa fieramente la grande sala interna dell’ex fabbrica dove ormai non c’è più legno ma gusto, materia prima e bottigliere.

Carlo e Camilla in segheria – Il ristorante

Carlo-e-Camilla-in-segheria-interni-Coqtail-Milano

A 360°, perché il contrasto è tra gli ingredienti, tra gli ingredienti e l’atmosfera, tra l’atmosfera e la mise en place. È il vanto più caratteristico della cucina di Carlo e Camilla in segheria, vanto che preserva nonostante il cambio stagionale del suo menu.

La si assapora a forchettate la rivisitazione dei piatti italiani. Di quelli assemblati secondo creatività e conoscenza, invece, ne basta il profumo per risultare convincenti. In cucina, Carlo Cracco ha lasciato spazio a Luca Pedata, e il giovane chef ci sta a pennello, guidando (e collaborando con) una brigata che approfondisce ogni elemento del piatto alla ricerca di quel dettaglio che possa esaltarne un altro o essere esaltato.

Il camouflage nei piatti di Carlo e Camilla in segheria è sensazionale –è divertente l’interrogativo su “uovo o provola? –dove l’uovo è cotto a bassa temperatura, affumicato proprio come si affumica una provola che nel piatto però assume la consistenza di un brodetto con lime, menta e anice stellato.

Carlo e Camilla in segheria – La drink list

Carlo-e-Camilla-in-segheria-interni-Coqtail-Milano

Da Carlo e Camilla in segheria, mixology è collaborazione: con la cucina, a cui è bene affiancare un buon drink ai piatti che vengono serviti a cena. I cocktail fanno un po’ da gentiluomini, facendo compagnia alle proposte food alla carta.

L’intera drink list è l’alter ego dell’alta cucina…ma in formato liquido, perché ne riprende le tecniche di preparazione: insomma una cucina scorrevole, meticolosa, saldamente alcolica, estremamente consistente. I drink di Carlo e Camilla in segheria sono stagionali, in continua evoluzione e rivisitazione: accanto ai drink più ordinari –dal classico Martini al (carico) Negroni- spiccano le proposte dal copyright alcolico che mostrano associazioni inaspettate -quelle che sorprende trovare in un bicchiere.

I cocktail sono studiati e curati attentamente, garanzia dell’Head Bartender Nicola Romiti che dirige il suo team facendo scorrere dietro al bancone fiducia e nuove prospettive.

Tra i drink più interessanti della nuova cocktail list primavera – estate 2019:

Beat from the roots: quando viene presentato, il drink ha la stessa bellezza di un vaso ricolmo di fiori. E allora fortunati i fiori, se dovessero ritrovarsi in una composizione del genere. Nel (bellissimo) bicchiere dalle curve morbide, il Mezcal, è assecondato da miele piccante per un’intesa di sapori che vogliono esplodere. A placare (ma non troppo) questo tripudio, la più dolce mostarda all’ananas e la barbabietola speziata.

Thai Boxer: un potpourri alcolico studiato, dove però sembrerebbe regnare (con eccellenza) il caso. Il latte di cocco con basilico? E’ vincente. E guadagna il primo posto sul podio se unito al Rum, al coriandolo, al pepe bianco e alla soda alla papaya. Un drink che pare fatto (e frutto) di coincidenze e che conquista la nostra sete facendo più che mai caso a ciò che stiamo gustando.

Desperados: è il nome della famosa birra con tequila. E in effetti il drink è una combinazione di Tequila e birra alla rosa arricchita con pepe timut. Il drink è schiumato, spillato quasi come fosse una birra alla spina. Ma ha il collo elegante di una coppa capiente e la dolcezza del miele d’agave che scivola sul palato a sorso “felpato”. Un più che piacevole “schiaffo” di sapore è dato dall’aggiunta del croccante peperone crusco.

Perché andarci

Per la sicurezza e per l’incanto. Per la pienezza di un posto dismesso che ha sfruttato l’occasione di poter diventare qualcos’altro. Carlo e Camilla in segheria è il posto che combacia con tutte quelle persone che sono per le opportunità.

Il locale soddisfa un bisogno di curiosità sia nella voglia di socializzaresia in quella di assaggiarenuove combinazioni, che siano esse liquide o nel piatto. La vecchiasegheria garanzia Carlo Cracco è la scelta di chi vuole trascorrere un momento di stacco che oltrepassa l’ordinario.

Carlo-e-Camilla-in-segheria-interni-Coqtail-Milano

Contatti

Carlo e Camilla in segheria

Via G. Meda, 24 – Milano

02 8373963

Immagini credits Carlo e Camilla in segheria

4.1

Aperto a: Pranzo, aperitivo, cena, dopo cena. Consigliata la prenotazione

Come arrivare: 1 km dai Navigli

MM2 Romolo

Bus 91 fermata V. le Tibaldi – Via Meda

Ambienti: Dehor esterno, sala drink, sale ristorante

Prezzo medio della carta: 50€ bevande escluse

Cocktail: da 10€ a 12€