Martinez-storia-del-cocktail-Coqtail-Milano

Martinez: una ricetta cocktail e più di una storia da raccontare

Da O.H. Byron a Jerry Thomas, del Martinez parlano i grandi della letteratura del bere. Realizzato tra gli anni ’60-’70 dell’800, questo cocktail considerato l’evoluzione del Manhattan quanto il precursore del Dry Martini, appare scritto in una guida per la prima volta nel 1884. Qui, il Martinez con la sua ricetta e più di una storia da raccontare.

Martinez, dall’aperitivo e all’after dinner

Gin, maraschino e vermouth rosso, a cui si aggiungono alcune gocce di bitter. In una parola Martinez. La ricetta è un concentrato di profumi e sapori, tra erbe aromatiche e bacche di ginepro che accarezzano il palato accompagnate dalla piacevolezza del maraschino.

Leggermente più dolce e delicato del Martini Dry di cui è precursore, Il Martinez va provato per comprenderne il percorso evolutivo e ogni sua sfaccettatura di gusto. Rotondo e amabile è il cocktail adatto a tutte le ore, come aperitivo e after dinner.

Dove e come nasce il cocktail

Le leggende che circolano su questo storico cocktail, inserito nelle liste IBA tra gli Indimenticabili, sono numerose. Se ci basiamo su autorevoli fonti scritte, il Martinez deve la sua grande fama a Jerry Thomas che riporta la ricetta, non nella sua prima edizione “Bartenders Guide: How To Mix Drinks” del 1862 ma nella ristampa del 1887.

Per questo, nonostante molti ne affidino a lui la paternità, questa resta incerta. Di sicuro c’è che il cocktail passa alla storia non soltanto quale antenato dal celebre Martini Dry ma, come molti bartender fanno notare, come l’evoluzione del Manhattan.

Nel 1860 sul “The Bartender Manual” di un certo Harry Johnson vengono descritte 11 ricette di drink a base vermouth tra cui compare anche il Martinez. Gli storici concordano però sul fatto che la prima ricetta codificata del Martinez risalga al 1884 e sia stata pubblicata sul the Modern Bartender di O.H. Byron che lo cita proprio come una variazione sul Manhattan.

Gli ingredienti del primo Martinez

Come riportato da molti storici ed esperti di mixology contemporanei è possibile che all’epoca delle pubblicazioni citate il primo Martinez sia stato realizzato tra il 1860 e il 1870 avendo come ingrediente principale il genever, distillato di frumento oppure orzo con aggiunta di bacche di ginepro, il cui profilo aromatico è più vicino a quello del whisky. Ecco perché ricorda tanto anche il Manhattan.

Per quanto riguarda il vermouth è possibile che in quegli anni venisse utilizzato quello torinese dolce perché il francese “secco” era meno disponibile. Scelta poi che è di tornata negli ultimi anni e ha portato il Martinez a essere nuovamente servito e apprezzato nel mondo.

Da Jerry Thomas a oggi

Passano pochi anni e, tra 1884 e il 1887, nelle testimonianze scritte di Byron e di Thomas il Martinez si presenta con il gin, prima con un Old Tom e poi un classico London Dry. Quest’ultimo scelto anche per l’iscrizione del Martinez nelle liste IBA. Qui la ricetta entrata a far parte dell’Olimpo della mixology dal 2020 nella categoria degli Indimenticabili.

Martinez cocktail ricetta

Martinez-cocktail-ingredienti-ricetta-Coqtail-Milano

Ingredienti

  • 45 ml london dry gin
  • 45 ml vermouth rosso dolce
  • 1 spoon di liquore al maraschino
  • 2 dash orange bitters

Preparazione

Versare tutti gli ingredienti nel mixing glass, cubetti di ghiaccio compresi. Mescolare bene. Filtrare in una coppetta da cocktail gelata. That’s all.

Garnish

Tagliare una scorza di limone e decorare la coppetta.

Coqtail Milano