L’Americano in Brewery, il cocktail “rivoluzionario” di Cristian Lodi

Americano-in-Brewery-Cristian-Lodi-Milord-Milano

Cristian Lodi, bartender del Milord, ripercorrere la storia dell’Americano con il suo twist. On the rocks!

L’Americano è un cocktail che parla italiano. Ma sia sul nome che sulla sua data di nascita il dibattito è ancora aperto.

Rispolverati gli antichi splendori grazie a Campari, la storia più romantica (e più accreditata), vuole che il cocktail abbia origini nel Bel Paese a partire dai primi del ‘900 e che il nome richiami il modo di servirlo “all’americana”, ovvero on the rocks, in un tumbler basso.

Il ghiaccio è l’ingrediente chiave dell’Americano

Si dice inoltre che la vera rivoluzione di questo drink sia stata proprio nell’utilizzo del ghiaccio, un ingrediente all’epoca molto costoso e per questo centellinato. Agli inizi del secolo scorso, infatti, per raggiungere i bicchieri dei più facoltosi la materia prima doveva spostarsi via treno dai ghiacciai in direzione delle primordiali celle frigo cittadine.

Per questo motivo prima di allora, mode, necessità e consuetudini avevano portato a servire la maggioranza dei drink da aperitivo in piccoli bicchieri, mentre cubi di ghiaccio artigianali venivano usati solo per refrigerare brocche o bottiglie. Poi, con l’arrivo dei primi fabbricatori e il crollo del costo del prodotto, da essere un elemento elitario è passato alla vendita on street e quindi alla portata di tutti.

Questa è la più plausibile delle storie, documentata anche nel libro “Negroni cocktail. Una leggenda italiana” di Luca Picchi, decano dei bartender fiorentini che definisce l’Americano, come da tradizione, una declinazione del drink del Conte

Americano in Brewery

Americano-in-Brewery-Cristian-Lodi

Così, ricordando l’anniversario dei 100 anni del Negroni e la sua evoluzione più diretta, Cristian Lodi, proprietario e bartender del Milord propone un twist dello storico drink rivisitato sulle note acidule della birra: l’Americano in Brewery, che tra gli ingredienti principali ha proprio il ghiaccio.

Ingredienti:

30 ml Campari

30 ml Cinzano 1757 Dry

Top Birra Framboise

Ghiaccio

Preparazione:

Per eseguire un twist sull’Americano come questo occorre avere a disposizione un bicchiere Old Fashioned da 360 ml che deve essere riempito di ghiaccio (attenzione a scegliere solo quello di alta qualità). Per raffreddare il bicchiere, prima girarlo e poi scolarlo per eliminare l’acqua in eccesso. A questo punto inserire il Bitter Campari e il Cinzano 1757 rosso. Effettuare un leggero stir e aggiungere ancora ghiaccio, in modo che il drink, contrariamente a quanto potreste pensare, non si annacqui. Aggiungere ancora ghiaccio fino al top del bicchiere e colmare con una Framboise, una birra belga dalle note acide dovute alla fermentazione spontanea. Procedere con un movimento up&down grazie allo spoon e poi servire.

Garnish:

Non dimenticare un peel di limone che profuma il drink e per dare un tocco in più, aggiungere un lampone disidratato.